Calendario 2006 - Davis

Davis

Calendario 2006 Le tavole riprese nel calendario 2006 sono realizzate con la tecnica del collage, che Davis interpreta in modo magistrale e poetico. Ricorrendo al collage, Davis fa diventare neve, nuvole, acqua e luce dei brandelli di carta con frammenti non casuali di racconti e poesie, tratti da grandi autori quali Walt Whitman, Collodi, Dino Buzzati, David Henry Thorea: un omaggio alla carta stampata, strumento che attraverso i secoli trasmette cultura e idee.
 

 


Paul Davis

Nato nel 1938 a Centrahoma, in Oklahoma, dopo gli studi alla School of Visual Arts inizia a lavorare nel 1959 ai Joins Push Pin Studios. Nel 1967 crea uno dei suoi manifesti più celebri, The Spirit of Che Guevara. Alla metà degli anni Settanta, l’incontro determinante con Joseph Papp, anima del New York Shakespeare Festival, per il quale crea inventa l’immagine di Hamlet, Henry V; The Threepenny Opera. Dal 1984 al 1992 è art director del New York Shakespeare Festival. Parlando di teatro Davis afferma: "Il teatro è ciò che resta della vita reale dopo aver operato gli scarti necessari a dimostrare un concetto". E l’arte del sottrarre è una strategia cruciale del lavoro di Davis, per cui eliminare i dettagli implica un incremento del potere emotivo dell’immagine. Ha anche lavorato a lungo per riviste come "The New Yorker", "GQ", "Wired", "Fast Company", "Rolling Stone", è stato art director di due riviste, "Normal" e "WigWag", realizzato copertine per dischi e CD, manifesti per film, e ha continuato con particolare assiduità a lavorare per il teatro, in particolare con il Lincoln Center, la Mobil Schowcase e il Public Theater di New York. Come pittore, ama ritrarre gli attori perchè, spiega, "hanno davvero tante caratteristiche che si spostano sui loro volti".
Maestro della grafica contemporanea, e soprattutto straordinario interprete della grafica teatrale, nel 2005 la sua opera viene esposta a Milano in una mostra dal titolo "On stage. Paul Davis People".

http://www.okdavis.com

Paul Davis